“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

lunedì 22 luglio, 2019

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

risparmia con dooid Il prezzo
più basso

stella dooid I migliori
servizi

Scopri come

La notte più lunga dell'anno, in cui sacro e profano si incontrano

Da: sabato 07 dicembre, 2019
A: martedì 08 gennaio, 2019
Thank you!

Notte-dei-faugni-atriCome ogni anno, dal tramonto all’alba, Atri si trasforma in un borgo senza tempo, ricco di tradizioni e incantato da una delle usanze più antiche, dove sacro e profano s’incontrano.

La notte dei Faugni, infatti, rappresenta oramai un appuntamento intrinseco nell’atmosfera dicembrina della provincia di Teramo, e non solo.

I faugni, protagonisti indiscussi di questa magica notte, sono fasci di canne secche legate tra loro da lacci vegetali che vengono accesi dallo stesso falò e poi portati a processione per le vie del borgo di Atri, in provincia di Teramo, accompagnati dell’atmosfera festosa delle migliaia di persone presenti e della banda locale.

Il 431 d.C., a seguito del concilio di Efeso, rappresenta la data della prima apparizione dei cosiddetti Faugni ma la consuetudine di questa tradizione in terra d’Abruzzo si perde nella notte dei tempi.

Il fuoco, da sempre utilizzato come rito propiziatorio, veniva acceso nelle campagne teramane circostanti Atri nei giorni che precedevano il solstizio d’inverno in onore al dio Fauno, divinità pagana a cui si attribuiva la fertilità della terra ma anche la protezione dei pastori, dei loro greggi e dell’agricoltura.

Atri-notte-dei-faugniIl solstizio atriano, da sempre e come ogni anno, si festeggia dal tramonto del 7 dicembre, per tutta la notte, fino all’alba dell’8 dicembre e questa data non è stata scelta a caso. L’importanza e la popolarità di questo particolare evento, infatti, è dato dall’incontro del profano rito del fuoco con un avvenimento sacro avvenuto più di settecento anni fa.

Una notte di Dicembre del 1294, dopo la sconfitta dei Crociati in Terra Santa, per non far cadere nelle mani dei musulmani la Santa Casa della Sacra Famiglia, essa venne trasportata dagli angeli da Nazareth a Loreto e durante questo percorso le luci dei fuochi di Atri indicarono la via e illuminarono il percorso delle creature celesti.

Ogni anno il programma della notte atriana più lunga dell’anno è lo stesso: dal tramonto del 7 dicembre, con la benedizione del falò, fino all’inizio della processione alle prime ore dell’alba dell’8 dicembre che si snoda dalla piazza del Duomo, per le viuzze del borgo, fino a tornare nello stesso punto per buttare i mozziconi dei fasci rimasti nel grande fuoco sacro, custodito dalla magnifica Cattedrale.

L’appuntamento più magico dell’anno che scalda questa lunga notte di dicembre.

A. Falasca

Commenti

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

    Nessun commento trovato.
    Esegui il login
    Ricordami
    Hai perso la password?
    Password Reset
    Esegui il login