“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

mercoledì 20 marzo, 2019

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

Il prezzo
più basso

I migliori
servizi

Scopri come

Il dolce Natale Abruzzese

Specialità-dolci-abruzzesi-nataleNon è Natale, si sa, senza pandoro e panettone ma in Abruzzo i veri dolci di Natale da servire a tavola sono sfogliatelle, caggionetti e bocconotti. Il vero e magico tris delle festività, infatti, inaugura la stagione più magica dell’anno.

La marmellata di uva è l’elemento che accomuna questi tre dolci di Natale, come anche l’ultima spolverata di zucchero a velo che completa queste delizie.

Le sfogliatelle anche se comunemente associate a Napoli, sono un tipico dolce di Natale abruzzese anche se più diffuso nella provincia di Teramo.

Natale-specialità-dolci-abruzzesiL’antica storia di queste sfogliatelle abruzzesi si lega alle più antiche sfogliatelle napoletane. Erano i primi anni del ‘900 quando Donna Anna, moglie del barone Tabassi, nel piccolo borgo della Maiella di Lama dei Peligni eredita la ricetta delle sfogliatelle napoletane dalla suocera, originaria della Campania. Avendo a disposizione ingredienti differenti dalla ricotta, utilizzata come ripieno nella versione parteneopea, e dello strutto, Donna Anna riadattò la ricetta originale utilizzando la marmellata d’uva come dolce ripieno e lo strutto tra una sfoglia e l’altra, rendendola più friabile e soffice. Alla marmellata d’uva, per il ripieno, vennero aggiunte noci e mosto cotto

La ricetta originale, che segnò la nascita delle attuali sfogliatelle abruzzesi, venne rivelata solamente negli anni sessanta dal cuoco della famiglia Tabassi.

Oggi, ogni donna abruzzese aggiunge alla immancabile marmellata d’uva ingredienti quali cacao, mandorle, vaniglia oppure stravolgendole completamente con gusti quali crema di limone o Nutella.

Per finire, poi, una spolverata di zucchero a velo che le rende perfette.

Dolci-abruzzesi-specialità-natalizieIn ogni vassoio o, per dirla all’abruzzese, uandir che si rispetti, alle sfogliatelle si aggiungono anche i caggionetti.

Caciunitt, caggionetti o calcionetti abruzzesi, come pur si voglia chiamarli, sono dei dolci a forma di ravioli, fritti, che nascondono al loro interno un ripieno gustoso e morbido.

La farcitura è composta da castagne, cioccolato e anche qui la marmellata d’uva. Un’esplosione di morbida dolcezza contrastata dalla pasta friabile e sottile dell’esterno.

Ovviamente anche in questo caso, una spolverata di zucchero a velo completa questi dolci bocconcini.

Dolci-natalizi-abruzzesi-specialitàIl terzo, e ultimo, dolce di Natale in Abruzzo è il bocconotto.

Originario di Castel Frentano in provincia di Chieti, le sue origini risalgono al XVIII secolo.

Anch’essi ripieni di marmellata d’uva, i bocconotti sono dei piccoli dolci in frolla morbidi, spolverati dall’immancabile zucchero a velo che danno il loro nome al fatto di essere così deliziosi e piccoli che possono essere mangiati in un sol boccone.

Nel pieno dell’atmosfera dicembrina abruzzese, ogni cucina e ogni forno si riempie dei profumi di questi tre tradizionali dolci di Natale che valgono a pieno un visita in Abruzzo per assaggiarli e innamorarsi ancora delle festività!

Copyright foto: turismo.provincia.teramo.it; www.panpizza.it; www.buonissimo.org

Scopri anche la sfogliatella tipica napoletana!

A. Falasca

Alloggi selezionati per te

Esegui il login
Ricordami
Hai perso la password?
Password Reset
Esegui il login