“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

sabato 24 ottobre, 2020

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

risparmia con dooid Il prezzo
più basso

stella dooid I migliori
servizi

Scopri come

bomarzo-borgo-viterbo-tuscia

©facebook.com/prolocobomarzoofficialpage/

A soli 70 km a nord di Roma, nella provincia di Viterbo nel Lazio, si trova il borgo di Bomarzo. Nella storia recente, Bomarzo è sicuramente più conosciuta per i suoi giardini e il “Sacro Bosco”, ma merita una visita il suo borgo pittoresco che risale all’epoca etrusca.

La Tuscia

Questa parte del Lazio è conosciuta come la Tuscia e comprende numerosi borghi fiabeschi come la Civita di Bagnoregio, Sant’Angelo di Roccalvecce e il Lago di Bolsena. Bomarzo con i suoi meno di 2.000 abitanti sorge su una collina che domina la rigogliosa valle del Tevere.

Il Centro Storico

Il famoso Palazzo Orsini risale al XV secolo ed è oggi sede del Municipio. Le pareti interne sono adornate da favolosi affreschi della Scuola Pietro da Cortona. Naturalmente, ogni città italiana ha il suo Duomo e la chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo di Bomarzo risale al XV secolo, anche se si ritiene che il campanile sia stato eretto su un antico sito etrusco.

Se vuoi godere di una vista panoramica mozzafiato, non lasciarti scappare una visita al Castello Orsini!

Il Sacro Bosco

Il Sacro Bosco è ciò che davvero attira le persone a Bomarzo. Conosciuto anche come il “Parco dei Mostri”, questo insolito giardino è unico al mondo. Fu progettato dal principe Vicino Orsini nel 1552 per includere giardini all’italiana accanto a fontane e sculture manieriste.

mostri-bosco-sacro-giardini

Figure di mostri, draghi e creature mitologiche furono scolpite da enormi massi che non aderiscono alle leggi delle proporzioni, rendendolo totalmente eccentrico per gli standard del XV secolo. I giardini erano così oscuri che dopo la morte di Vicino, la gente perse quasi completamente interesse lasciandoli in uno stato di abbandono.

Non sarebbero stati apprezzati di nuovo fino a quando una nuova generazione di artisti e intellettuali come von Goethe e Dalì non avesse visto il loro potenziale. In effetti, alla fine questi giardini hanno ispirato il Giardino dei Tarocchi di Niki de Saint Phalle in Toscana.

Siamo certi che ti godrai il tuo soggiorno nella bellissima Bomarzo e nei suoi giardini “mostruosi”!

bomarzo-bosco-sacro-draghi-sculture

 

Redattore

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Nessun commento trovato.
Esegui il login
Ricordami
Hai perso la password?
Password Reset
Esegui il login