“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

mercoledì 30 novembre, 2022

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

risparmia con dooid Il prezzo
più basso

stella dooid I migliori
servizi

Scopri come

La Valle d’Aosta è la regione più piccola d’Italia che fa confine con la Francia e la Svizzera. Essendo la porta di accesso alle Alpi, è, ovviamente, famosa per lo sci e gli sport invernali ed e’ un paradiso all’aperto in ogni stagione. La piccola regione ha numerosi castelli e borghi caratteristici da esplorare, ma oggi ci dirigiamo verso uno dei “Borghi più Belli d’Italia”Bard.

forte-bard-aosta-fiume

©facebook.com/fortedibard/

Tutto su Bard

Bard è il comune più piccolo nella regione più piccola d’Italia! Con meno di 150 abitanti, questo villaggio alpino situato lungo il fiume Dora Baltea è al di là del pittoresco. Le prove dimostrano che è stato abitato sin dal Neolitico e in seguito divenne un punto importante lungo la rotta della Gallia celtica-romana. È situato lungo la Via Francigena.

In effetti, come gran parte dell’Italia, tracce di romani si vedono ovunque. Oggi, il sistema romano dell’antico canale della Furiana che scorre sotto il borgo è ancora in uso. La maggior parte dei palazzi risalgono al XV e al XVI secolo e furono costruiti su mura romane gia’esistenti. È risaputo che Bard era la porta di entrata e di uscita della Valle d’Aosta e divenne molto ricca poiché le merci furono tassate pesantemente lungo il tragitto.

La bellezza di Bard può essere goduta in ogni stagione e la città sta lavorando per promuovere il turismo non solo in inverno e in estate ma durante tutto l’anno. Per un borghetto così piccolo, c’è molto da vedere! Alcuni dei principali monumenti sono:

  • Casa Challant: residenza del Conte Filiberto di Challant nel 15 ° secolo con affreschi meravigliosi e l’antica fontana.
  • Casa del Vescovo: forse la residenza del vescovo in esilio di Alba.
  • Casa della Meridiana: l’unico edificio con una meridiana caratteristica, come suggerisce il nome.
  • Casa Urbano: recante lo stemma della Casa Savoia.
  • Casa Valperga: finestre bifora distinte.
  • Casa Ciuca: ora pensione e wine bar.
  • Palazzo Nicole: residenza degli ultimi nobili di Bard. Sopra l’arco, è ancora possibile vedere le tracce dell’assedio napoleonico del 1800.

©facebook.com/fortedibard/

Forte di Bard

Per secoli questo imponente forte costruito su uno sperone di roccia sopra il borgo è servito come una difesa strategica. È quasi certo che ci fosse un certo tipo di fortificazione qui già in epoca pre-romana e molti credono che un re ostrogoto avesse una fortezza qui già nel VI secolo. Nessuno può negare i documenti che dimostrano che il visconte Aosta Boso ebbe un insediamento difensivo qui nel 1034. Il forte passò sotto i Savoia nel XIII secolo.

Napoleone e l’Assedio di Bard

Tuttavia, Forte di Bard è meglio conosciuto per la seconda campagna napoleonica nel 1800 conosciuta come “l’Assedio di Bard”. Un esercito di 40.000 uomini scese in Valle d’Aosta attraverso il Gran San Bernardo. Le truppe francesi saccheggiarono il villaggio di Bard ma le forze austriache-piemontesi difesero valorosamente il Forte fino a quando non dovettero infine accettare la sconfitta. Napoleone rimase sbalordito dalla resistenza e ordinò la demolizione del vilain castle de Bard (il malvagio castello di Bard).

Carlo Felice, re di Sardegna, ne ordinò la ricostruzione tra gli anni 1830 e 1838 e fu allora che fu diviso in tre strutture distinte. Con 283 stanze, il forte poteva ospitare oltre 400 uomini, 50 cannoni e tre mesi di provviste.

Oggi il forte funge da porta culturale tra l’Italia e il resto d’Europa e i visitatori possono facilmente trascorrere un’intera giornata se non di più qui. La massiccia fortezza ospita spazi per uffici, ristoranti e bar, attività commerciali, un hotel, una prigione e musei con mostre di livello mondiale. Inutile dire che è assolutamente da vedere!

Suggerimento: non perdere l’ascensore di vetro che ti porta dal borgo di Bard al Museo delle Alpi all’interno del forte. Viste spettacolari!

Consulta il sito ufficiale per mostre, biglietti, ed orari!

aosta-bard-fort

©facebook.com/fortedibard/

Cultura e Cucina

Mentre passeggi per le strette vie e ammiri le vetrine dei negozetti con gli oggetti in stile perfettamente alpino, vorrai sicuramente assaggiare alcune prelibatezze!

Il prodotto culinario più famoso di questa zona è di gran lunga la Fontina: l’orgoglio e la gioia di Aosta. Provala servita come fonduta su pane croccante. Un altro classico è la polenta concia che è cotta al forno con fontina e burro. Deliziose le carni di selvaggina in umido servite insieme alla polenta. Il caffè è unico qui in quanto viene preparato con la grappa (e talvolta altri liquori) e infuso con scorza di limone e arancia. È tradizionalmente servito in una grolla detta la coppa dell’amicizia. Ottimi vini con una tradizione secolare come il rosso Donnas DOC.

Curiosità

Oltre la metà della popolazione della Valle d’Aosta parla tre lingue: francese, italiano e Valdôtain (un dialetto). Il film di successo Avengers: Age of Ultron è stato girato a Bard. Il Monte Bianco (la vetta più alta d’Italia a 4.810 m), il Monte Rosa, il Gran Paradiso e il Cervino si trovano tutti in Valle d’Aosta.

Leggi ancora sulle meravigliose destinazioni in Valle d’Aosta

bard-fort-aosta

Articolo di Marie Contino

Redattore

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Nessun commento trovato.
Esegui il login
Ricordami
Hai perso la password?
Password Reset
Esegui il login