“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

lunedì 19 novembre, 2018

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

Il prezzo
più basso

I migliori
servizi

Scopri come

Un viaggio tra le bellezze dell'Isola di Capri attraverso gli occhi di chi la vive tutti i giorni

Cosa-visitare-a-capriSono le 06:55. Apro la porta dal mio alloggio ed attraverso la terrazza panoramica con vista sui Faraglioni. Una nuova giornata di lavoro sta per cominciare.

Ho sempre creduto che i Faraglioni fossero due, ma in realtà sono tre, anzi quattro:

  • Faraglione di Terra; con i suoi 109 metri è il più alto di tutti
  • Faraglione Mediano; soprannominato “Stella”, è attraversato da una galleria naturale profonda 60 metri
  • Faraglione di Fuori; soprannominato “Scopolo”, è l’unico habitat naturale della lucertola azzurra – parente prossima della lucertola campestre – che per il fenomeno del mimetismo ha assunto il colore del mare
  • Scoglio del Monacone; abitato in passato da una specie di foca il cui ultimo esemplare fu ucciso nel 1904.

Capri ospita molte specie che si differenziano per dimensioni o per numero dagli esemplari presenti nel resto d’Italia. Le api, a rischio estinzione, trovano qui il clima ideale per riprodursi. È presente sull’isola una razza di gatti molto più grandi rispetto ai propri simili peninsulari.

Capri-bellezze-da-vedereUn altro animale estremamente popolare a Capri è il gabbiano. Socievole e curioso, si avvicina ai turisti in cerca di qualche boccone. Abituata a leggere di rapaci gabbiani lagunari che “scippano” il pranzo ai turisti, sono rimasta piacevolmente sorpresa dal modo in cui questi volatili interagiscono con i visitatori dell’isola. Ne incontro spesso due esemplari sul terrazzo dell’albergo. Credo che siano un maschio ed una femmina; li riconosco dalle macchie rosse che hanno sul becco. Si lasciano fotografare orgogliosi.

Ma il mio lavoro non consiste nello scattare foto ai gabbiani! Sono una receptionist, ed ogni mattina vedo partire ed arrivare turisti da tutto il mondo: canadesi, brasiliani, russi, giapponesi, tedeschi . . .

Gli ospiti dell’albergo chiedono spesso suggerimenti sui luoghi da visitare. E spesso mi capita di prenotare giri in barca alla Grotta Azzurra. Diversi anni fa ho avuto la fortuna di visitarla e di ammirare i giochi di rifrazione della luce sull’acqua. La grotta era già cara agli antichi romani, che la utilizzavano come ninfeo.

Cosa-vedere-a-capri-i-faraglioni

Capri, Via Krupp

Fu riscoperta nel 1826 dai tedeschi Fries e Kopish su indicazione del pescatore caprese Angelo Ferraro – soprannominato O Riccio. L’isola è ricca di anfratti e insenature meno famosi ma ugualmente suggestivi, come la Grotta Verde e la Grotta Bianca.

Oltre alle gite in barca, il nostro albergo fornisce un servizio navetta gratuito da e per il centro di Capri. Arrivati al centro, suggerisco sempre ai miei ospiti di fare un giro tra le vie dello shopping e di gustare un gelato al caffè da Alberto o piatti a base di pesce preparati con maestria dallo chef del ristorante Longano.

Percorrendo le stradine che si snodano attorno alla Piazzetta è possibile acquistare souvenir per tutte le tasche: dagli accessori d’alta moda ai coralli, da limoncello ai sandali fatti a mano. Lo shopping è sempre piacevole, ma a Capri diventa glamour!

Ho passato intere serate ad ammirare un paio di décolleté tempestate di paillettes dorate. Tappa obbligata per chi vuole stupire parenti ed amici con un regalo originale è la fabbrica di profumi.

Certosa-san-giacomo-capri

Certosa San Giacomo

La leggenda narra che le famose essenze di Capri nacquero da un’inaspettata visita della regina Giovanna d’Angiò. Il padre priore della Certosa di San Giacomo, colto di sorpresa dalla notizia, ordinò di raccogliere fiori e di metterli in acqua. Tre giorni dopo, quando i fiori furono buttati, il priore si accorse che l’acqua era diventata profumatissima. Nacque così la prima fragranza caprese.

Le ricette originali degli antichi profumi furono riscoperte solo nel 1948 all’interno della Certosa, e l’allora priore fu autorizzato dal Papa a consegnarle ad un chimico, che creò un laboratorio denominato Carthusia cioè Certosa.

Oggi ci sono diverse boutique Carthusia sull’isola, ma anche a Napoli, Sorrento, Positano e Roma. Oltre ai profumi veri e propri, è possibile acquistare candele, creme corpo, profumatori d’ambiente. I nomi delle fragranze sono suggestivi: Corallium, Mediterraneo, Terra Mia, Fiori di Capri. Personalmente ho provato Fiori di Capri ed ho notato che la fragranza, pur essendo delicata, è davvero persistente.

Cosa-vedere-a-capri-i-faraglioni

Capri, Via Krupp

La fabbrica di profumi capresi è circondata da palme e banani, che fanno da anticamera ai Giardini di Augusto. Questi ultimi, furono voluti dall’industriale tedesco Krupp e ancora oggi conservano esemplari delle piante più diffuse sull’isola: limoni, ibiscus, setcrasea.

Il tempo sembra essersi fermato in questo piccolo parco cittadino, dove regnano sovrane la pace e la luce. Statue e fontane abbelliscono i Giardini, dai quali  è possibile ammirare un bellissimo panorama, che va dai Faraglioni fino allo Scoglio delle Sirene. Dal parco parte anche la famosa via Krupp, che collega il centro storico con Marina Piccola. Attualmente la strada è chiusa a causa del pericolo di caduta massi, dovuto alla natura calcarea delle rocce capresi.

Fontana-nei-giardini-augusto-a-capri

Fontana nei Giardini d’Augusto

È possibile acquistare un unico biglietto che permette di visitare sia i Giardini di Augusto che la Certosa di San Giacomo. Quest’ultima ospita una mostra permanente di dipinti d Diefenbach, che trascorse sull’isola gli ultimi tredici anni della sua vita. I quadri esposti raffigurano paesaggi capresi, dai Faraglioni allo Scoglio delle Sirene, dall’Arco Naturale alla Grotta Bianca.

L’ambientazione è spesso notturna, a volte crepuscolare. Predominano i colori scuri. Diefenbach alterna figure della mitologia classica, come ninfe e sirene, a immagini cristiane. Frequenti, nei suoi quadri, sono i crocefissi. Attraverso le sue opere, esprime perfettamente un aspetto di Capri che non è noto a tutti: l’Isola Azzurra è infatti soprannominata anche l’Isola Misteriosa, ed in passato si riteneva che fosse popolata da spiriti. E sembra uno spirito la figura che compare nel dipinto Presentimento della Morte.

Capri-giardini-augusto

Giardini d’Augusto

Un altro dipinto che mi ha colpita è: Non uccidere, che raffigura il volto di Dio, un uomo con un pugnale insanguinato ed un cervo agonizzante. Ho notato con stupore che Diefenbach considerava l’uccisione di un animale come un’infrazione dei Dieci Comandamenti cristiani. Leggendo la biografia del pittore, ho scoperto che in gioventù Diefenbach fu influenzato da un parente di nome Lorenz, che lo iniziò al misticismo. In età adulta l’artista divenne vegetariano.

Più di un secolo fa Diefenbach aveva notato la significativa presenza dei gabbiani sull’isola, tanto da smorzare i toni cupi delle sue tele con delle pennellate bianche, per riprodurre l’effetto delle ali di questi meravigliosi uccelli marini.

Il mio dipinto preferito è Capri, una mappa fisica dell’isola. In tale dipinto non ci sono messaggi religiosi da cogliere e l’artista abbandona i toni cupi per raffigurare nella maniera più semplice i contorni dell’isola – come se fosse vista dall’alto.

Karl-diefenbach-capri

Capri – Karl Wilhelm Diefenbach

Dal blu scuro e dal nero dei dipinti di Diefenbach, si passa alla luce che penetra attraverso le trifore della chiesa, impreziosita da affreschi dai colori vivaci. Sulla sinistra vi sono due ambienti con un altare ed altri affreschi. Infine si accede al Chiostro Piccolo – baciato dal sole – ed al Chiostro Grande – la cui area centrale è organizzata secondo un disegno geometrico con spazi verdi.

Ultima tappa della visita alla Certosa è il parco, con i suoi alberi secolari. Come i Giardini di Augusto, anche il Parco della Certosa permette di ammirare un panorama mozzafiato, dai Faraglioni allo Scoglio delle Sirene.

Vedere-capri

Golfo di Napoli visto da Capri

Spesso si banalizza la bellezza di quest’isola riducendone l’importanza al turismo balneare. In realtà Capri è ricca di storia, di reperti archeologici ed è sede di concerti e di eventi culturali. A Piazzale Diaz – famoso per la terrazza da cui è possibile ammirare il Golfo di Napoli ed il Vesuvio – è esposta un’insolita scultura di Stefano Bombardieri. Ho scoperto che altre opere dell’artista sono esposte nella Galleria Liquid Art System, a pochi metri dal Quisisana.

Liquid Art System è presente anche ad Anacapri, Positano, Londa ed Instambul e ospita le opere di 59 artisti provenienti da tutto il mondo. Ho apprezzato l’originalità delle sculture di Stefano Bombardieri e di Seo Young-Deo.

Altra piacevole sorpresa per me è stata Villa Lysis, un tempo dimora dello scrittore Fersen, oggi sede di concerti ed eventi. Mi soffermo su un invito appena ricevuto via email: Atmosfere dal mondo e dal tempo. Duo flauto – chitarra in concerto a Villa Lysis. Ne stampo alcune copie per gli ospiti.

Faraglioni-a-capriE’ ora di cena, e la bella stagione sembra non finire mai su quest’isola magica, dove le temperature sono ancora estive a fine ottobre. La radio trasmette musica in sala.

So accumparute ‘e stelle a primma sera

Tutta Tragara luce ‘mmiezo o mare

‘Na fascia argiento sotto e Faragliune

E nu’ mistero int a ‘sta notte chiara

Notte ‘e silenzio e io mo’ chiesta canzone

Canta vulesse a chi m’ha affatturato

Tu, luna luna tu, luna caprese . . .

Copyright testo e foto: Anna Visconti, Wikipedia (foto dipinto Capri)

Redattore

Alloggi selezionati per te

Esegui il login
Ricordami
Hai perso la password?
Password Reset
Esegui il login