“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

giovedì 27 febbraio, 2020

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

risparmia con dooid Il prezzo
più basso

stella dooid I migliori
servizi

Scopri come

MONTI E PAESAGGI FRIULANI DA ESPLORARE CON LE ESCURSIONI INVERNALI GUIDATE 2018

Un tuffo nella natura, tra bianchissime e soffici nevi; la balsamica brezza d’alta quota che rinfresca la mente e rigenera polmoni e anima; il sole che veglia dall’alto illuminando le ciaspole ai piedi e guidando i passi… Infatti è così che tutto si fa inverno, splendidamente, camminando per le montagne del Friuli Venezia Giulia!

friuli-escursioni-montagna

Ci sono circa un paio di mesi di tempo prima del cambio di stagione e approfittare delle escursioni guidate organizzate di tutto punto dagli enti di promozione turistica FVG e dalle scuole di sci del posto non è solo un’ottima opportunità per svolgere una salutare e corroborante attività fisica all’aperto ma anche un valido pretesto per andare alla scoperta di meravigliose realtà ambientali ammirandone gli sconfinati paesaggi e – perché no? – per concedersi un assaggio delle genuine bontà d’alpeggio tipiche di questi luoghi.

Le proposte escursionistiche di quest’anno sono diversificate e alla portata di tutti (principianti e bimbi compresi) e sono perlopiù concentrate tra le località di Ravascletto, Sella Nevea, Tarvisio, Pontebba e Malborghetto-Valbruna ma è pure prevista una ciaspolata notturna sul versante del monte Kolovrat (in Provincia di Udine) illuminato dalla luce siderale della grande luna piena.

montagna-friuli-escursioniGeneralmente il dislivello di salita va dai 200 ai 1000 metri, le quote di partecipazione variano dai 12 ai 15 euro a persona (salvo per i bambini al di sotto degli 11 anni per i quali vige la gratuità) e le racchette da neve (ossia le ciaspole) vengono fornite direttamente in loco o, in alcuni casi, sono passibili di noleggio tramite un piccolo contributo pecuniario supplementare.

Ed ecco il calendario di alcune uscite in programma, quasi tutte della durata di una giornata intera e accompagnate da esperte guide naturalistiche:

Ogni mercoledì fino al 28 febbraio 2018 escursioni (in questo caso per soli adulti) con destinazione Rifugio Grego e Rifugio Zacchi e partenza da Infopoint PromoTurismoFVG Tarvisio alle ore 9.00.

Giovedì 1 febbraio ciaspolata notturna di circa 3/4 ore sulla dorsale del Kolovrat, con ritrovo a Ponte San Quirino presso il parcheggio sulla strada Statale in direzione San Pietro al Natisone alle ore 18.00.

Sabato 3 febbraio: destinazione Monte Florianca e ritrovo presso Infopoint PromoTurismoFVG Tarvisio alle ore 8.30.

Sabato 10 febbraio: destinazione Mezesnik e ritrovo presso lo Spaccio Formaggi Ugovizza alle 8.30.

Sabato 17 febbraio: destinazione Casera Sompdogna e ritrovo davanti al negozio Alimentari Valbruna alle ore 8.30.

Sabato 24 febbraio: destinazione Monte Corona e ritrovo nella Piazza del Municipio di Pontebba alle ore 8.30.

Sabato 3 marzo: destinazione Cappella Zita e ritrovo davanti al negozio Alimentari Valbruna alle ore 8.30.

Sabato 10 marzo: destinazione Malghe Montasio e ritrovo presso il Piazzale Slovenia di Sella Nevea alle ore 8.30.

Ogni sabato fino al 31 marzo 2018 ciaspolate per famiglie (particolarmente indicate ai bambini) della durata di 60/90 minuti lungo il sentiero degli “Sbilfs”, con ritrovo nell’area camper di Sella Valcada a Ravascletto alle 17.30.

L’abbigliamento del caso richiede naturalmente indumenti adatti alle basse temperature, scarpe da trekking, bastoncini da camminata muniti di rondella invernale e, per la ciaspolata in notturna, è indispensabile la torcia frontale. E’ inoltre opportuno (specie nelle escursioni giornaliere) munirsi di qualche capo di vestiario di ricambio, di bevande e di qualcosa da sgranocchiare durante il percorso prescelto nonché di un documento di identità valido, che non si sa mai.

Giova infine tenere a mente che l’ambiente montano va sempre tutelato con il giusto atteggiamento e assumere una condotta priva di schiamazzi e di manomissioni della segnaletica tra i sentieri, evitare di lasciare in giro rifiuti o mozziconi di sigarette, rispettare le specie botaniche presenti e gli animali selvatici son tutti segni di un comportamento civile che di certo farà la differenza, permettendo ai monti di mantenere la loro integrità nel tempo e di sorridere ancora alle generazioni future con il loro incontaminato candore.

copyright foto: www.turismofvg.it, www.girandola-errante-ilpiccolo.blogautore.repubblica.it

M. Puhar

Commenti

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

    Nessun commento trovato.
    Esegui il login
    Ricordami
    Hai perso la password?
    Password Reset
    Esegui il login