“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

venerdì 21 gennaio, 2022

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

risparmia con dooid Il prezzo
più basso

stella dooid I migliori
servizi

Scopri come

Ogni anno per la Vigilia di Natale a Oratino, uno dei borghi più belli d’Italia, si celebra una delle tradizioni più antiche e conosciute del Molise: la cosiddetta Faglia, ossia l’accensione di una grande torcia lunga 13 metri che ha lo scopo di indicare il cammino spirituale all’intera popolazione.

il-capofaglia-della-faglia-di-oratino

Il Capofaglia

La torcia viene costruita dai giovani del paese con delle canne a cui danno fuoco nell’ambito di un rito corale, dando vita ad uno spettacolo che attrae centinaia di turisti nel cuore del centro storico di questo piccolo paese.

Una cinquantina di volontari trasportano la faglia, che raggiunge un peso dai 25 ai 30 quintali, lungo il tragitto che inizia dall’entrata del paese e arriva alla chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo.

 

sistemazione-faglia-di-oratino

Sistemazione della Faglia di Oratino

Durante la camminata il capofaglia ha il compito di scandire la marcia di tutti coloro che lo aiutano a portarla, per regolare il tempo del passo, e ringrazia le persone che hanno fornito la materia prima secondo la formula “Evviva le canne di…”.

Con la Faglia di Oratino si fa riferimento al culto del fuoco europeo e, soprattutto, ai fuochi del solstizio d’inverno, che, come quelli del solstizio d’estate, sono collegati alla fecondità ed al matrimonio, nonché alla morte.

L’astro solare, nascendo dalla notte più lunga dell’anno, secondo le antiche religioni avrebbe dovuto acquistare sempre nuova forza per contrastare il contemporaneo ed apparente morire della natura.

Il significato dell’accensione del fuoco era duplice: da un lato si cercava di riprodurre, di mimare, la potenza del sole, dall’altro era presente una valenza di purificazione. Il fuoco, testimone di immortalità, avrebbe così allontanato dall’animo umano le tensioni peccaminose eliminando inoltre, con un atto “magico” il male “fisico” della comunità.

faglia-di-oratino-accesa

La Faglia accesa

La Faglia, è una preziosa risorsa per il pastore e il contadino molisano. Rudimentale faro, guida nella notte, questo artistico torcione anticamente rischiarava il cammino ed indicava, nelle notti di bufera, la dimora, il rifugio contro le rigide temperature del territorio.

 

 

 

 

Copyright foto: ansa.it; molisiamo.it; molisedoc.it.


Scopri altre tradizioni italiane legate al fuoco e leggi anche La ‘Ndocciata di Agnone e La Notte dei Faugni.

A. Raucci

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Nessun commento trovato.
Esegui il login
Ricordami
Hai perso la password?
Password Reset
Esegui il login