“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

lunedì 22 aprile, 2019

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

Il prezzo
più basso

I migliori
servizi

Scopri come

Le Avanguardie Approdano a Gorizia

Da: mercoledì 20 dicembre, 2017
A: domenica 25 marzo, 2018
petzenstein-mostra-palazzo-attems

Petzenstein

Siamo a Gorizia, perla di città del Friuli Venezia Giulia confinante con la Slovenia e definita la Nizza austriaca perché particolarmente apprezzata, un tempo, dai borghesi dell’impero asburgico. Giungendo a questa cittadina di confine è assai facile familiarizzare con le atmosfere medioevali, barocche e ottocentesche che la caratterizzano, ma lo sguardo del visitatore non può esimersi dal lasciarsi dolcemente rapire anche dai suoi parchi curatissimi e dalle collinette circostanti che ne disegnano un’ovattata cornice verde intenso. In questo ameno luogo bellezza e cultura hanno sempre avuto un ruolo di tutto rispetto e, tra il Museo del Medioevo Goriziano (nell’antico castello cittadino), la Pinacoteca di Casa Formentini, il Museo della Grande Guerra, la Collezione Archeologica e il Museo della Moda e delle Arti Applicate, svettano imponenti palazzi storici a suggellarne la suggestiva essenza. Tra questi, Palazzo Attems Petzenstein (risalente alla prima metà del Settecento) con la sua Pinacoteca e con i suoi stucchi e affreschi racchiude molte chicche del patrimonio storico artistico locale e diventa, di quando in quando, la sede prediletta per l’allestimento di mostre temporanee di ragguardevole interesse. Proprio come quella che ha preso il via da poco: La Rivoluzione Russa. Da Djagilev all’astrattismo (1898-1922), visitabile fino al 25 marzo 2018.

malevic-mostra-palazzo-attems-gorizia

Kasimir Malevic
Stazione senza fermata Kuncevo 1913 olio su legno 49×25,5 cm. Dalla Galleria Tret’jakoskaja di Mosca

Sulla scia del centenario della Rivoluzione d’Ottobre Gorizia oggi celebra le avanguardie russe che, a partire dal 1917, hanno innescato un fondamentale processo di trasformazione radicale nel mondo dell’Arte europea, travolgendo (e capovolgendo letteralmente!) i cardini della Cultura. E a testimonianza di ciò, più di cento opere – che assai di rado possono essere ammirate in Italia – trovano collocazione a Palazzo Attems Petzenstein suddivise in sei sezioni cardine, che stanno a descrivere e a mostrare sei storiche tappe di quella rivoluzionaria dinamica che avrebbe finito per scatenare la palingenesi artistica destinata a mutare per sempre l’arte internazionale. In ogni sezione la storia si intreccia con l’esegesi dei movimenti culturali e le tecniche artistiche dell’epoca trovano la loro contestualizzazione pratica nelle opere esposte. Nel dettaglio, stando alle dichiarazioni dei curatori (Silvia Burini, Giuseppe Barbieri, Faina Balachovskaja), emergono specialmente:

“Il valore e il ruolo ‘rivoluzionari’ delle pratiche artistiche all’interno della società russa a cavallo tra XIX e XX sec., a partire dalla sotterranea e decisiva matrice letteraria della cultura russa ottocentesca, e qui basterà ricordare almeno i nomi di Blok, Achmatova, Mandel’stam, Pasternak, Majakovskij”.

Pur senza dimenticare che tale rivoluzione:

“Si è estesa alla pittura (esiste un’arte prima dell’Astrattismo e una successiva, quella in cui ancora oggi viviamo) e poi alla grafica, alle scenografie, alla musica, per registrare infine le origini dell’esperienza del cinema, che qualche anno dopo si sarebbe concretata nel magistero di Ėjzenštejn e Vertov”.

Una multimedialità che potremmo a buon diritto definire ‘avanguardistica’ coinvolge elegantemente l’esposizione pittorica e, arricchita da oggetti, documenti e opere su carta, partendo dai balletti di Djagilev si completa incontrando il teatro (di Mejerchol’d, Stanislavskij, Cechov), la musica (con Skrjabin, Stravinskij e Musorgskij) e la fotografia (Rodcenko), mentre i dipinti (provenienti dal Museo delle Arti Decorative e Applicate e dal Museo di Storia Contemporanea della Russia, nonché dalla Galleria Tret’jakov di Mosca e dal Fondo Alberto Sandretti della Fondazione Feltrinelli di Milano) portano le firme di Kandinskij, Malevic, Ekster, Larionov, Goncarova, Tatlin, Koncalovskij, Stepanova, Benois e Bakst.

ekster-palazzo-attems-gorizia

Composizione 1914 olio su tela 91,3×70,5 cm. Dalla Galleria Tret’jakoskaja di Mosca

Capolavori che hanno fatto la Storia dal 1898 (anno della fondazione del gruppo Il Mondo dell’Arte o Mir Iskusstvasino alla costituzione dell’Unione Sovietica nel 1922 e che non smettono di emozionare per ricordarci che l’Arte, nel suo divenire, è ciò che fondamentalmente siamo.

Per informazioni:

LA RIVOLUZIONE RUSSA. Da Djagilev all’Astrattismo (1898-1922)
Palazzo Attems Petzenstein, Piazza Edmondo De Amicis 2, Gorizia (GO)
Telefono: 348 13047 26
Orario: da martedì a domenica dalle 10 alle 18 fino al 25 marzo 2018.

copyright foto: www3.comune.gorizia.it, www.sgaialand.it, www.visumnews.it 

M. Puhar

Alloggi selezionati per te

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

  • valentines day 2018 australia
    valentines day 2018 australia

    Simply want to say your article is as astounding.
    The clearness in your post is just great and i can assume you’re an expert on this subject.
    Fine with your permission allow me to grab your feed to keep
    up to date with forthcoming post. Thanks a million and
    please keep up the rewarding work.

    Gen 20, 2018, 4:45 am
    Rispondi
    • Michela Puhar
      Michela Puhar

      Thanx a lot for your supporting words, I really appreciate ‘em! So, if you want to read all my artcles, try to search for Friuli Venezia Giulia on Dooid Magazine.
      Regards,
      Michela

      Gen 28, 2018, 3:30 pm
      Rispondi
Esegui il login
Ricordami
Hai perso la password?
Password Reset
Esegui il login