“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

venerdì 25 novembre, 2022

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

risparmia con dooid Il prezzo
più basso

stella dooid I migliori
servizi

Scopri come

Forse non avrai mai sentito parlare del piccolo borgo di Monforte d’Alba sulle colline piemontesi, ma molto probabilmente hai gustato uno dei suoi famosi vini. Infatti le Langhe, la zona di produzione del Barolo, insieme a Monferrato e Roero sono state dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Monforte d’Alba è uno dei “Borghi più belli d’Italia” ed è anche bandiera arancione dal Touring Club Italiano. Se questi riconoscimenti non ti hanno già convinto a visitare, ecco qualche motivo in più!

monforte d'alba-langhe-piemonte

Un po’ di storia

Il nome Mons Fortis come era conosciuto in epoca medievale è forse legato a un’oscura storia del suo passato. Nell’anno 1028 l’arcivescovo di Milano inviò le forze armate per estinguere l’eresia catara che si era formata a Monforte. I prigionieri furono costretti a rifiutare le loro convinzioni o in alternativa, essere bruciati sul rogo; molti hanno scelto quest’ultimo.

Cosa vedere nel centro storico

Arroccato su una collina e circondato da vigneti Barolo, il borgo di Monforte ha conservato la sua anima medievale. In origine qui c’era un castello ma oggi non ne rimane traccia. Non disperare perché ci sono numerosi altri monumenti che puoi  visitare.

Il Palazzo Scarampi fu residenza privata dei Marchesi Carretta all’inizio del 1700. Nella medesima piazza si può vedere il campanile che risale al XIII secolo e che ad un tempo, era annesso alla chiesa parrocchiale di Santa Maria, distrutta all’inizio del XX secolo. Oggi in questa piazza si trovano le due Confraternite di Sant’Elisabetta e Sant’Agostino, nonché l’Auditorium Horszowski.

L’anfiteatro all’aperto prende il nome dal famoso pianista Horszowski che lo inaugurò nel 1986. Ogni anno a luglio si svolge il famoso festival jazz, “Monfortinjazz“, che attira ospiti internazionali.

Da non perdere la spettacolare chiesa della Madonna della Neve costruita agli inizi del 1900 con un campanile alto 54 metri.

monforte d'alba-cuneo-madonna della neve

Il Barolo, i tartufi d’Alba, e tanto altro

Molti di coloro che visitano le Langhe hanno un debole per Monforte d’Alba. Ha la giusta quantità di negozi che offrono le prelibatezze della zona senza sentirsi prepotente o troppo turistico. Ti ritroverai a vagare per le strade strette e ripide a guardare le vetrine dei famosi tartufi bianchi di Alba, ad assaggiare il suo vino Barolo (oltre a Barbaresco, Nebbiolo e molti altri) e la fonduta di Castelmagno.

In effetti, un’ottima idea è di preparare un picnic leggero e di godersi il ​​panorama in qualsiasi stagione intorno a te dalla “Big Bench 12” ovvero, “La Panchina Grande 12”. Se non hai sentito parlare del Big Bench Community Project, dai un’occhiata qui. In fondo, è esattamente come lo descrive il suo nome: una panca gigante dove ci si può sedere e godersi il paesaggio, e quando si tratta di Monforte, mamma mia che panorama!

Ti innamorerai della semplicità di Monforte d’Alba!

Continuare a leggere su altri luoghi in provincia di Cuneo 

Redattore

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Nessun commento trovato.
Esegui il login
Ricordami
Hai perso la password?
Password Reset
Esegui il login