“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

lunedì 21 giugno, 2021

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

risparmia con dooid Il prezzo
più basso

stella dooid I migliori
servizi

Scopri come

L’inno italiano non ufficiale divenne Volare cantato da Domenico Modugno alla fine degli anni ’50. Anche se sicuramente conosci la canzone, forse non sai che Modugno era di Polignano a Mare, paese mozzafiato barese. Una volta intravista la bellezza ultraterrena di Polignano a Mare, diventerà subito chiaro che non ha mai avuto bisogno di una canzone per renderlo famoso. Se la cava benessimo da solo.

polignano-a-mare

Polignano a Mare e la sua bellezza

Questa località è accatastata su una bianca scogliera calcarea di tufo per la quale l’intera regione è così famosa. La pietra bianca brillante, quasi accecante, contrasta con il mare Adriatico incredibilmente limpido e turchese.

Il centro storico è un complesso labirinto di viuzze in pietra bianca e case strette, una più caratteristica dell’altra. È uno di quei luoghi in cui quasi speri di perderti solo per l’avventura. E’ ovvio che di parti molto turistiche ce ne sono molte, ma se ti permetti di girovagare, è più che probabile che incontrerai donnine anziane sedute a fare la pasta a mano o a fare l’uncinetto. 

Assaporare davvero Polignano vuol dir che dopo una giornata di mare, gustarsi un gelato pomeridiano (magari al gusto ricotta e fichi) mentre si passeggia tranquillamente per il centro storico, per poi seguire con un aperitivo e, infine, cenare lungo mare con un freschissimo fritto misto e uno spaghetto alle vongole. 

Ma, se proprio hai deciso di fare “il turista”, ci sono alcuni luoghi che dovrai fare rientrare in qualche modo tra le tue giornate spensierate. Intendiamoci, in alcuni di questi, praticamente ci “incapperai” senza sforzo per caso.

polignano-a-mare-puglia-bari

photo: Stefano Rugero

  • Arco Marchesale: il massiccio arco con antiche mura (1530 dC) che divide la parte “vecchia” da quella “nuova”.
  • Piazze: Le piazze principali di Polignano includono Vittorio Emanuele II, Giuseppe Garibaldi e Aldo Moro, quest’ultima è il cuore della città.
  • La Torre dell’Orologio: fa parte del Palazzo dell’Orologio. Il meccanismo dell’orologio era una volta alimentato a energia solare fino a quando non fu sostituito nel XIX secolo.
  • Chiesa Madre di Santa Maria Assunta: Situata in Piazza Vittorio Emanuele, la chiesa principale di Polignano risale al XIII secolo. Contiene le reliquie di San Vito, patrono di Polginano.
  • Lama Monachile: lo spot di gran lunga più fotografato di tutta Polignano. Questa piccola spiaggia è anche conosciuta come Cala Porto.
  • Ponte Borbonico: Alto 15 metri, questo ponte offre la vista perfetta di Lama Monachile e del mare blu profondo.
  • Statua di Domenico Modugno: Sicuramente il cittadino più degno di nota di Polignano, la statua in bronzo di Modugno si trova in un luogo pittoresco da non perdere!

Mentre sei qui, un must assoluto è vedere alcune delle oltre 70 grotte marine naturali di Polignano che sono disseminate lungo la costa. Alcune sono accessibili solo via mare e richiedono una visita con una compagnia turistica privata. La Grotta Palazzese ha un ristorante al suo interno che è stato nominato uno dei più belli del mondo. Con un panorama del genere, chi potrebbe discutere?

polignano-a-mare-poesie

Ultimo ma non meno importante, tra i tanti piatti favolosi che puoi provare a Polignano, non perderti il ​​caffè che include un tocco di scorza di limone, panna e amaretto.

Poeti, artisti e cantanti sono stati ispirati dall’incomparabile bellezza di Polignano, e siamo sicuri che ti farà canticchiare anche te … “Nel blu dipinto di blu … felice di stare…quaggiù!”

Scopri Alberobello e i suoi famosi trulli a soli 30 minuti!

Redattore

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Nessun commento trovato.
Esegui il login
Ricordami
Hai perso la password?
Password Reset
Esegui il login