“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

sabato 24 ottobre, 2020

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

risparmia con dooid Il prezzo
più basso

stella dooid I migliori
servizi

Scopri come

Come può essere che un minuscolo borgo sia uno dei “Borghi più belli d’Italia”, insignito della Bandiera Arancione dal Touring Club Italiano, ed allo stesso tempo conosciuto come il “paese delle streghe”? A Triora è proprio così! Scopriamo di più su questo affascinante borgo medievale in Liguria.

Situata nelle Alpi Liguri, a pochi km dal confine francese, Triora si trova ad un’altitudine di 780 metri. La valle circostante è conosciuta come la Valle Argentina, nota per essere un “luogo mistico”.

centro-triora-streghe-liguria

Perché si chiama il “Paese delle streghe”?

Allora scopriamo il motivo per cui questo piccolo paese con meno di 400 persone viene definito il “paese delle streghe”. Fa parte di una storia vergognosa e brutale che ha sottoposto innumerevoli donne (e uomini) a indicibili crudeltà.

Tra gli anni 1587 e 1589 circa 200 donne di Triora e dei paesi circostanti furono accusate di stregoneria. Molte di loro furono torturate, imprigionate e uccise, e alcune si suicidarono sapendo che il loro destino era segnato. In quei tempi, l’Italia ormai era passata dal tradizionale rogo agli esorcismi.

Gli storici ora sanno che una terribile siccità precedette questi eventi creando una grave carenza di grano. L’ignoranza, la superstizione e il paganesimo persistente resero queste donne il perfetto capro espiatorio.

Inizialmente, molte delle accusate provenivano da una zona di Triora conosciuta come la Cabotina, nota per la sua povertà, prostituzione, madri single e alloggi per i “vergognosi” della società. Oggi è ancora possibile visitare questa zona.

Cosa vedere e fare in zona

Un altro ricordo del passato oscuro del paese si trova all’interno della chiesa di San Bernardino (in realtà nel paese di Andagno). Questa chiesa del XV secolo (o forse precedente) era ricoperta di affreschi che furono scoperti solo nel 1946. Ciò che poteva essere restaurato raffigura scene della Bibbia inclusi i sette peccati capitali e orribili mostri e serpenti. E poi… le figure che sembrano streghe che bruciano nelle fornaci.

triora-san-bernardino

Si potrebbe dire che la caccia alle streghe è la famigerata pretesa di fama di Triora con negozi di souvenir legati a quella parte oscura della sua storia. Gli eventi di Halloween, non a caso, sono diventati sempre più popolari ogni anno, così come un festival della stregoneria nel periodo estivo.

goina-triora-liguria

Goina

Assicurati di visitare il museo che non è solo dedicato agli eventi della caccia alle streghe, ma anche alle tradizioni agricole locali risalenti a secoli fa. Grano, latte, formaggio, castagne e funghi sono ancora gli alimenti base della cucina locale e il suo pane, il pane di Triora, è conosciuto in tutta la regione.

Gli amanti della natura apprezzeranno anche il Parco Regionale delle Alpi Liguri che offre tutti i tipi di attività all’aria aperta e percorsi escursionistici.

Altri paesi della zona che vale la pena esplorare sono Realdo, Goina, Creppo e Verdeggia.

foto copyright: Comune di Triora www.comune.triora.im.it/

Redattore

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Nessun commento trovato.
Esegui il login
Ricordami
Hai perso la password?
Password Reset
Esegui il login