“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

venerdì 15 novembre, 2019

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

risparmia con dooid Il prezzo
più basso

stella dooid I migliori
servizi

Scopri come

 

Il viaggio lo si può interpretare in diversi modi, sia fisico che spirituale. Nel caso del nostro viaggiatore le due esperienze combaciano perfettamente. Ci racconta che cosa vedere ad Assisi in un giorno.

L’esperienza di viaggio

Arrivando ad Assisi percorrendo, una delle tante strade e sentieri, si ha già intravedendo da lontano il suo profilo sinuoso e imponente, la sensazione di essere arrivati alla meta. Attraversando i campi di grano e di girasoli, i boschi costeggiando letti di fiumi e risalendo poi i dolci pendii del colle. Ci si ferma prima a guardarla nell’insieme questa città che copre del colore dei suoi mattoni tutto il versante della collina, poi si distinguono e ammirano i suoi campanili, le sue torri, il suo castello.

Poi si passeggia accanto alle mura e, entrando da una delle sue grandi porte medioevali, si comincia ad esplorare. Fatalmente attratti dai suoi gioielli più imponenti e scoprendo strada facendo i suoi anfratti più segreti. Percorrendo le strade strette del borgo si arriva al punto nevralgico della città: Piazza del Comune. Un luminoso spazio che fa intuire l’inizio della storia della città con l’insediamento romano di Assisium di cui il Tempio di Minerva, convertito nel Cinquecento nella chiesa di Santa Maria sopra Minerva, è uno dei rari indizi a cielo aperto. La città è un perfetto esempio di come i diversi momenti della storia si stratifichino gli uni sugli altri.  Il Tempio è l’unico edificio che emerge in superficie dell’antico Foro romano, oggi trasformato in un museo e visitabile, custodito nei secoli sotto il lastricato della piazza.

Dalla piazza è facile raggiungere i punti di interesse già evidenti per chi osserva la città dalla pianura. La cattedrale di San Rufino, la chiesa di San Pietro e i due santuari che più degli altri raccontano della storia successiva di Assisi, indissolubilmente legata alla spiritualità: la Basilica di San Francesco e la chiesa di Santa Chiara. Due monumenti di grande imponenza e di assoluto valore artistico. In particolare la basilica di San Francesco che col convento adiacente domina il profilo della città e con il ciclo di affreschi giotteschi della Basilica Superiore impressiona ogni visitatore. 

cosa-vedere-ad-assisi-in-un-giorno

©10cose.it

Assisi è da secoli meta di un pellegrinaggio assiduo che, per quanto Francesco e Chiara facciano parte della tradizione cristiana, coinvolge non solo credenti. Questo perché hanno toccato corde dell’animo umano di portata universale: il rapporto fraterno con la Natura e la sua contemplazione, la rinuncia ai beni materiale come naturale presupposto di una vita spirituale intensa che è necessaria all’essere umano, la solidarietà e la carità praticate.

Questo spirito è ancora presente in questi luoghi per chi arriva con animo aperto e ricercatore. Non solo all’interno delle mura della città. Ci sono altri siti che appagano gli occhi e l’anima di chi li visita, come la chiesa di San Damiano. Immersa nel silenzio dei suoi cipressi, come l’Eremo delle Carceri, il luogo magico in cui Francesco e suoi seguaci si ritiravano in meditazione che sorge alle pendici del Monte Subasio. Altro posto ispiratore, le cui dolci cime ispirano passeggiate infinite immersi nella natura incontaminata e che regalano panorami ampissimi sulla valle sottostante.

Altro punto panoramico è il castello di Assisi, o meglio la Rocca Maggiore. Costruita nel 1356 per iniziativa del vicario dello Stato Pontificio, nel dominio del quale la città era compresa. Dal suo ampio spiazzo erboso si riesce a spaziare con lo sguardo su tutta la Valle di Assisi e, oltre agli splendidi borghi di Bevagna, Montefalco e Bettona, si scorgono altri due centri di importanza francescana. La Basilica di Santa Maria degli Angeli che contiene al suo interno la Porziuncola, una piccola chiesetta di grande valore artistico e luogo privilegiato di preghiera del Santo, e la chiesa di Rivotorto, anch’essa contenente un luogo di permanenza di Francesco e dei suoi seguaci.

Assisi è un luogo ricco, ricchissimo di Storia, Natura, Spiritualità e Fede. Patrimonio dell’UNESCO dal 2000 accoglie ogni tipo di visitatore e lascia una traccia profonda e personale in ciascuno, invitando ad abbandonarsi e aprirsi ai luoghi e alla loro potenza mistica.

Scopri tutto sulla regione Umbria

L. Cioccoloni

Commenti

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

    Nessun commento trovato.
    Esegui il login
    Ricordami
    Hai perso la password?
    Password Reset
    Esegui il login