“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

giovedì 27 febbraio, 2020

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

risparmia con dooid Il prezzo
più basso

stella dooid I migliori
servizi

Scopri come

Magasa-itinerari-valvestinoA partire dagli anni ’50 i contadini delle valli bresciane hanno lasciato le loro case, si sono lasciati alle spalle una vita di duro lavoro nei campi e nelle malghe e si sono riversati nel centro di Brescia o nelle cittadine dell’Alto Garda. Solo pochi filantropi della vita montana hanno mantenuto in vita alcuni piccoli paeselli, come nel caso della Val Vestino.

Leggenda narra che sette fratelli che non andavano molto d’accordo si sistemarono con le rispettive famiglie in sette diverse dimore, in modo che il fumo che usciva dal camino dell’una non andasse mai a disturbare l’altra. Sorgono così sei villaggi appartenenti al comune di Valvestino e il piccolo comune di Magasa, sette borghi quasi interamente abbandonati, ma mantenuti come preziosi diamanti dai pochi abitanti rimasti. Qui si può sempre trovare ristoro e sono presenti alcuni basici servizi, come Mini Market, bar e ristoranti.

Oggi questa valle viene tutelata dalla Comunità Montana e fa parte del Parco Alto Garda bresciano. A conoscerla non sono soltanto i cacciatori e la gente del luogo, ma sempre più escursionisti, astrofili in visita all’osservatorio astronomico, gli amanti del parapendio e i sempre più numerosi sci alpinisti, il sentiero storico n°2 è ben segnalato e viene percorso ogni anno anche da giovanissimi scout. 

Per chi avrà la fortuna di farsi invitare per un caffè da qualcuno del paese, poi, si potrà far raccontare i mille segreti che si celano tra gli alpeggi, percorsi che solo i malghesi conoscevano, vie di fuga tra le vecchie trincee e, per i più spirituali, anche qualche avventurosa storia d’amore. 

Copyright foto: camoscibianchi.wordpress.com

S. Zanetti
Stefania Zanetti
Writer
Aspirante giornalista. Sperimentatrice nata. Viaggiatrice per necessità.

Commenti

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

    Nessun commento trovato.
    Esegui il login
    Ricordami
    Hai perso la password?
    Password Reset
    Esegui il login