“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

venerdì 22 ottobre, 2021

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

risparmia con dooid Il prezzo
più basso

stella dooid I migliori
servizi

Scopri come

Nella Lombardia c’è una magnifica valle che si chiama la Valcamonica. Questa rigogliosa valle si trova tra le Alpi Orobie e il gruppo dell’Adamello ed è piena di sorprese! Scopriamo cosa vedere in questa valle preistorica con una storia unica da raccontare.

La Valcamonica preistorica

Se sei appassionato della storia e dell’archeologia, allora sarai lieto di sapere che quella della Valcamonica ebbe inizio 10,000 anni fa. Il Parco Nazionale delle Incisioni Rupestre di Naquane si trova a Capo di Ponte e fu il primo sito UNESCO lombardo inaugurato nel 1979. Il parco stesso contiene oltre 100 disegni rupestri che vanno dal periodo neolitico fino all’età del ferro. Ci sono oltre 200.000 disegni rupestri sparsi in tutta la valle, la stragrande maggioranza dei quali è stata creata dai Camuni e rappresentano la loro vita quotidiana. Sono disponibili varie visite guidate e autoguidate. Visita il sito ufficiale per ulteriori dettagli.

Nel centro di Capo di Ponte, si trova anche il Museo Nazionale della Preistoria collocato nella Villa Agostani del XVI secolo. Per una comprensione più completa della valle e della sua storia, questo è un luogo affascinante dove trascorrere circa un’ora. Anch’esso un sito UNESCO.

Stare all’aria aperta

Per chi ama stare al contatto con la natura, Ponte di Legno è il luogo ideale come punto di partenza per le varie avventure nella valle. Situato nel cuore del Parco dell’Adamello, Ponte di Legno offre praticamente ogni esperienza sportiva all’aperto che la tua immaginazione possa evocare. In inverno si possono praticare sci, snowboard e ciaspolate sul Castellaccio (3.029 metri), sul Passo del Tonale e sull’Adamello (3.500 metri). Non vorrai perderti il ​​ghiacciaio del Pian di Neve conosciuto come il “deserto di ghiaccio”.

pian-di-neve-glacier-valcamonica

Nei mesi estivi si apre un mondo completamente nuovo di possibilità con escursioni a piedi, in mountain bike e piste ciclabili a bizzeffe. Da Ponte di Legno si può infatti pedalare fino al Lago d’Iseo seguendo la Ciclovia del Fiume Oglio (per un totale di oltre 280 km), ma ci sono anche numerosi percorsi con partenza da Ponte di Legno adatti anche ai giovani ciclisti in famiglia.

Darfo Boario Terme

Dirigendosi verso l’estremità meridionale della valle, ci si può sbizzarrire nelle acque curative di Darfo Boario. Le sorgenti termali naturali sono note per le loro proprietà curative e, recentemente, anche per la cura del morbo di Parkinson.

Bienno, uno dei Borghi più belli d’Italia

Bienno è un borgo da non perdere nel tuo tour della Valcamonica. Nella prestigiosa lista dei Borghi più belli d’Italia, Bienno è una tappa obbligata. Questo antico borgo, e l’intera vallata, sono noti da millenni per le sue ferriere, e per i mulini d’acqua introdotti dai monaci benedettini nel X secolo. Puoi passeggiare per i vicoli stretti fatti di pietra scura e guardare le vetrine lungo Via Contrizio, dove le botteghe artigiane hanno prosperato per secoli. Se sei interessato alla tradizione dei fabbri, assicurati di visitare la Fucina museo.

Enogastronomia

Durante tutto il tuo viaggio in Valcamonica, sarai felice di sapere che la cucina è fantastica quanto il paesaggio. È particolarmente noto per i suoi vini Valcamonica IGT tra cui bianco, passito, rosso, Marzemino e Merlot. I piatti qui includono ingredienti come farina di castagne, grano saraceno o polenta di mais, pane di farina di segale, selvaggina e pesce di lago. Non perdere l’opportunità di assaggiare i casoncelli, ravioli ripieni di carne e formaggio, oltre alla salsiccia (strinù) e formaggi come Silter, CasoletRicotta stagionata. Nel 2018 l’UNESCO ha riconosciuto la Valcamonica-Alto Sebina come una biosfera unica dove prosperano oltre 2.800 specie di piante e fiori che contribuiscono alla tradizione agricola secolare.

pontedilegno-valcamonica

Redattore

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Nessun commento trovato.
Esegui il login
Ricordami
Hai perso la password?
Password Reset
Esegui il login