“ Innamorati dell’Italia attraverso i racconti dei nostri viaggiatori ”

venerdì 05 giugno, 2020

Italy

Un ottimo strumento per organizzare il tuo prossimo viaggio
Prenota con noi per migliorare questo servizio senza pubblicità
Scorri o filtra l'articolo dei tuoi desideri
Lasciati trasportare dai racconti dei nostri scrittori
Trova e prenota la camera per vivere l'esperienza che sogni
Prenotazione immediata o assistita

Filtri selezionati:

Articolo

Filtri selezionati:

Agosto e Settembre -10%

risparmia con dooid Il prezzo
più basso

stella dooid I migliori
servizi

Scopri come

Classificate tra le spiagge più belle d'Italia

punta-aderci-spiaggiaGli angoli di Paradiso che spesso ci capita di immaginare nelle nostre giornate più stressanti, esistono davvero e non sono chissà quanto distanti da raggiungere e l’Abruzzo lo sa bene. La bellezza della sua costa è abbastanza nota ma c’è un tratto, in particolare, aspro e selvaggio che continua a stupire perfino chi questi posti li conosce da sempre. Mi riferisco alla Riserva di Punta Aderci, nel vastese, un’area naturale protetta che si estende per cinque chilometri di costa e puntellata da diverse spiagge di sabbia e ciottoli, una più bella dell’altra. Il percorso si apre con la spiaggia di Punta Penna, a seguire la spiaggia di Libertini, la spiaggetta di Punta Aderci appunto e la lunga spiaggia di Mottagrossa che chiude il cerchio su panorami da togliere il fiato.
Proprio la spiaggia di Mottagrossa è stata indicata tra le 15 spiagge più belle d’Italia nell’elenco elaborato proprio l’anno scorso da Skyscanner, portale dedicato ai viaggi. Merito dello stato delle acque, la pulizia delle spiagge, i paesaggi circostanti e naturalmente il giudizio positivo di visitatori soddisfatti. Tutto il litorale di Mottagrossa è affiancato da un sentiero sopraelevato, a circa venti metri di altezza, che può essere percorso a piedi o in bicicletta alla scoperta di pinete, valloni e macchia mediterranea.

aderci-puntaMa in generale la Riserva può essere esplorata in svariati modi, oltre a percorsi di trekking da fare a piedi o in mountain-bike c’è l’alternativa della canoa. A largo sono facilmente avvistabili i delfini del genere Stenella mentre in alcune cavità è possibile ammirare l’Halymenia floresia, considerata l’alga rossa più bella del Mediterraneo.
Le dune e l’ambiente fluviale si prestano, inoltre, all’osservazione naturalistica e al birdwatching. Qui infatti svernano e sostano molte specie di uccelli.

Un paesaggio che varia e alterna spiagge ad alte scogliere, a macchie di arbusti, a scenari agricoli con un denominatore comune: libertà ed una quasi totale assenza di contaminazione da parte dell’uomo. Solo la spiaggia di Punta Penna è dotata di servizi, presso il punto informazioni si possono trovare le docce, una fontana d’acqua potabile e bagni aperti al pubblico. Oltre all’affitto di canoe singole, doppie o triple versione famiglia e al noleggio bike. 

La Riserva è pronta ad accogliere ospiti discreti che abbiano voglia di riempirsi gli occhi e l’anima ma con la velata resistenza di chi non vuole rinunciare alla propria unicità ed indomabile bellezza. 

 

copyright foto: viaggi.it, visitterredeitrabocchi.it

I. Alleva

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Nessun commento trovato.
Esegui il login
Ricordami
Hai perso la password?
Password Reset
Esegui il login